venerdì 9 marzo 2012

CUCINA REGIONALE VENETA: BACCALA' ALLA VICENTINA



Eccoci anche questa settimana con la rubrica dedicata ai piatti delle regioni italiane. Questo sta diventando un appuntamento fisso che siamo sicure ci farà scoprire tantissime ricette straordinarie del nostro territorio.
Questa settimana il tema è il pesce. E' più di un ingrediente, ne esistono infatti tantissime varietà che si possono preparare in mille modi diversi, sicuramente ce ne sarà per tutti i gusti!
Rispetto alla scorsa settimana, il nostro gruppo si è arricchito della collaborazione di altre bravissime food blogger dalla toscana, dal friuli e dalla sicilia, benvenute!
Ecco quindi le ricette:

Il baccalà alla vicentina, è un piatto molto antico, si dice inventato dalla "Siora Vittoria" già nel 1890. Si tratta di una vera e propria istituzione per la nostra regione, amato da grandi e piccini per la sua storia, la sua tradizione e ovviamente per la sua bontà! Venticinque anni fa è nata la Venerabile Confraternita del Bacalà alla Vicentina, allo scopo di promuovere la conoscenza di questo piatto e di tutelare la ricetta originale. La confraternita riunisce dei ristoranti tipici della zona in cui si può gustare il vero baccalà alla vicentina e ogni anno organizza bellissime manifestazioni che attirano moltissime persone!
La ricetta che vi proponiamo stasera si basa ovviamente sui consigli della Confraternita, la tradizione deve essere rispettata!

Baccalà alla vicentina
 
500 gr di stoccafisso secco
1 grossa cipolla bianca
½ l di olio extra vergine d’oliva
3-4 acciughe
farina q.b.
250 ml di latte fresco
un ciuffo di prezzemolo tritato
sale q.b.
pepe q.b.
polenta bianca fredda

Ammollate lo stoccafisso, già ben battuto, in acqua fredda; cambiando l’acqua circa ogni 4 ore per almeno 2-3 giorni.
Levate parte della pelle. Aprite il pesce per il lungo, togliete la lisca  e tutte le spine. Tagliatelo a pezzi quadrati possibilmente tutti più o meno uguali.
Affettate finemente la cipolla e rosolatela in un tegamino con un bicchiere d’olio.
Aggiungete anche le acciughe precedentemente dissalate  private della lisca e tagliate a pezzetti. Per ultimo, a fuoco spento, unite il prezzemolo tritato.
In una pentola di cotto oppure di alluminio versate qualche cucchiaio del soffritto preparato, disponetevi sopra i vari pezzi di stoccafisso infarinati e irrorate poi con il restante soffritto. Aggiungete anche il latte il sale e il pepe. Unite l’olio fino a ricoprire tutti i pezzi.
Cuocete a fuoco molto dolce per circa 4 ore muovendo ogni tanto la pentola in senso rotatorio, senza mai mescolare. Servite ben caldo con polenta bianca in fetta: il baccalà alla vicentina è ottimo anche dopo un riposo di 12-24 ore.
Consigli: nel piatto tradizionale, c'è l'aggiunta di circa 20 gr di grana grattuggiato prima di versare il latte nella pentola; questo lo rende ancora più saporito!










 










14 commenti:

  1. ciaoo adoro il baccalà!molto saporita la tua ricetta bravissima!

    RispondiElimina
  2. Bel piatto classico di tradizione!!!Preparato e presentato benissimo!!!brave ragazze!!un bacio!

    RispondiElimina
  3. Allora ragazze partiamo dalla ode al baccalà che è una meraviglia e se ci mettiamo il vostro straordinario piatto e un bicchiere di vino... raggiungiamo la perfezione!!!!!!GRAZIE MILLE!!!!! Una bellissima ricetta!!!!Un bacione

    RispondiElimina
  4. Buonissimo, lo mangio spessissimo. Una goduria da leccare i baffi. Non conoscevo l'ode al baccalà! Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. una meraviglia di piatto!!!mi piace davverp tantissimo!!! davvero bravissima, una ricetta molto interessante! bacionii

    RispondiElimina
  6. Grazie per l'accoglienza ragazze!! E' stato un vero piacere conoscervi e lo è ancora di più collaborare con tutte voi a questa splendida rubrica sulla cucina regionale.
    Il baccalà alla vicentina è una ricetta talmente famosa che si è diffusa in tutta Italia, è molto conosciuta anche qui in Toscana. Il piatto è presentato in modo meraviglioso. Bravissime!!!
    A presto e buona serata.

    RispondiElimina
  7. a me il baccala proprio non piace :( ma a tutta la mia fa,miglia fa impazzire e quindi si cucina spesso...la prossima volta proveremo a farlo così! Brava! Notte! :)

    RispondiElimina
  8. il baccalà è ottimooooooo! lo preparo in vari modi...ma alla vicentina non l'ho mai fatto! sarà la volta buona!
    abbracci

    RispondiElimina
  9. Amo poco il baccalà, ma questo è il piatto che preferisco!!!

    Ottima ricetta, post molto accurato!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  10. Ottimo, ottimissimo!!! Anche se non si può dire... Mangiato qualche mese fa, da noi è difficile trovare lo stoccafisso, ma ogni tanto preparo questo piatto con il baccalà sotto sale.

    RispondiElimina
  11. Non vedo più il mio commento... come al solito devo aver sbagliato qualcosa ;) Sapete già quanto io ami questo piatto e dalle foto è molto meglio di quello che mangio di solito. Una meraviglia, bravissime! Buona domenica, Babi

    RispondiElimina
  12. grazie della visita, vengo con piacere a trovarti , complimenti per il blog, e per le ricette molto golose! un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  13. Adoro il baccalà! Così non l'ho mai fatto, devo assolutamente provare!

    RispondiElimina
  14. L'ode al baccalà è favolosa!!!!Io il baccalà alla vicentina non l'ho proprio mai mangiato mi manca!!!! Sembra davvero speciale!
    Ciao Ely

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura