lunedì 14 maggio 2012

CUCINA REGIONALE VENETA: PIZZA DI POLENTA



La rubrica di cucina regionale a cui partecipiamo diventa di giorno in giorno più interessante. Oltre a farci conoscere tantissime ricette delle altre regioni italiane, ci aiuta a conoscere meglio il nostro Veneto. Ogni volta ci sorprendiamo di quanto possa essere ricco il nostro territorio e questo ci è di stimolo per sperimentare nuovi ingredienti, nuovi piatti.
Il tema per questa settiamana sono i rustici; quindi cercheremo di scoprire torte salate, focacce, pizze, vari formati di pane ripieno e farcito... che vengono gustati nelle varie regioni d'Italia. Ecco quindi le ricette di questa settimana:


Per la prima volta non sapevamo veramente cosa preparare per il tema di queta settimana. I rustici sono infatti legati tradizionalmente alla cucina del Sud Italia, il Veneto non è famoso per pizze, focacce o torte salate. Grazie ai suggerimenti delle nostre cape squadra  Babi e Renata, abbiamo pensato a come le nostre nonne avrebbero potuto creare un rustico con gli ingredienti quotidiani della loro cucina.  Così tra un'idea e l'altra è nata questa pizza di polenta. Non si tratta quindi di una ricetta della tradizione bensì di una reinterpretazione di ingredienti tradizionali.

 Pizza di polenta

400 gr di farina di mais fine
1,5 di acqua
200 gr di pomodori pelati
100 gr di funghi porcini sott'olio
4 fette di sopressa di circa 0.5 cm
100 gr di asiago dolce
3 fogli di basilico fresco
olio q.b.
sale q.b

Portate a bollore l'acqua con una presa di sale, unite a pioggia la farina di mais mescolando energicamente per evitare la formazione di grumi. Lasciate cuocere per circa un'ora continuando a mescolare con l'apposito bastone o con il cucchiaio di legno. Versate la polenta su due teglie rotonde di circa 20 cm di diametro, quindi lasciate raffredare completamente. Nel frattempo preparate il sugo di pomodoro. Fate scaldare qualche cucchiaio di olio con il basilico, aggiungete i pelati tagliati a pezzetti e fate cuocere per 10 minuti.
Sformate la polenta, scavate l'interno con un cucchiaino lasciando un bordo di circa un centimetro, avendo cura di non bucare il fondo. Coprite con carta da forno una teglia e adagiate i due dischi di polenta. Farcite con il pomodoro, i funghi e la sopressa tagliati a pezzi e delle striscioline di asiago.
Fate scaldare in forno per 10 minuti a 210°. Servite ben caldo.
Consigli: si tratta di una rivisitazione della polenta pasticciata; la farcitura può essere modificata in base ai vostri gusti o agli ingredienti tipici della vostra regione.








23 commenti:

  1. ma sapete che questa preparazione è un'idea stra-geniale????? la voglio assolutamente provare, visto che la polenta in casa mia non manca mai, (sarà colpa della mia metà origine veneta????)

    Bravissime!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma è una splendida e moltooooooooooooooo INVITANTE IDEA!!!!!! Complimenti ragazze!!!!!!!!!!!!
    Una bellissima e gustosissima ricetta!!!!!!!!!!
    Un bacio e BUONA SETTIMANA!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Mamma mia ragazze che fame!!! E' troppo bella l'idea della polenta farcita come una pizza. Ve la copio di sicuro, tanto qui da noi la polenta è di casa. Grazie mille, splendida ricetta, buona giornata!

    RispondiElimina
  4. ciao, non sono un'amante della polenta, ma davanti ad un piatto del genere non saprei resistere neanche io, baci e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  5. me ne parla sempre una mia amica, ma non l'ho mai provata perché di solito non amo la polenta, ma mi sa che così....deve essere veramente buona! ciao da IN cucina da Eva!

    RispondiElimina
  6. buona...buona...l'ho assaggiata in montagna ed era divina !!!ciao

    RispondiElimina
  7. Naaaaa ma chissà quanto buona deve essere.. ha un bellissimo aspetto! baci cara buon lunedì .-)

    RispondiElimina
  8. Ma che bella idea, una pizza con la polenta è assolutamente da provare. Anche in casa mia di polenta ce n'è sempre per cui non mi resta che tuffarmi nella preparazione. Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Sììììì, quanto mi piace questo piatto, lo adoro!! Piacere di conoscervi, mi aggiungo ai vostri lettori, passate a trovarmi, un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Ragazze ma complimenti!! mi sa che grazie a voi ho finalmente trovato la ricetta ideale per farmi mangiare la polenta!
    Siet geniali, questa pizza è geniale!
    bravissima davvero!!
    un bacione e buon inizio settimana!!

    RispondiElimina
  11. Ragazze, non solo è STRASQUISITA ma voi come sempre preparate tutto divinamente bene!!!!!Complimenti!!!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  12. Un suggerimento geniale, con questo nostro carrozzone si fanno scoperte interessantissime. Bacio ragazze a presto

    RispondiElimina
  13. Ma sì che il nostro giro per l'Italia ci fa scoprire ricette assolutamente spettacolari e geniali!

    RispondiElimina
  14. wowww che libidine!!!!bravissimeee ottima ricetta!!ciaoo

    RispondiElimina
  15. questa è davvero una ricetta veneta... suggerimento azzeccato!!!
    L'avete realizzato alla grande!! bacioni!

    RispondiElimina
  16. carissime...mi state facendo venire l'acquolina in bocca! ma buonissima questa pizza di polenta...un connubio di sapori splendidi!
    bacioni

    RispondiElimina
  17. Da brava "polentona" Doc non posso che apprezzare questa favolosa ricetta!!! Siete state geniali!!!!
    Ciao

    RispondiElimina
  18. L'aspetto è magnifico!!!! Direi che il risultato è veramente ottimo! Splendida rivisitazione della polenta pasticciata! Mo divento "polentona" pure io!!!

    RispondiElimina
  19. Mi piace tantissimo questa nuova proposta di pizza, un'alternativa geniale!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. La polenta colpisce ancora! E vai, sempre buona...in tutte le salse! Bravissime (veneta anch'io!) Ciao

    RispondiElimina
  21. Uhhhhh l'adoroooooooooooooooo!!! Questa la faccio spesso anche io ma non sapevo che fosse una ricetta veneta! Buono a sapersi! Baci

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura