sabato 7 aprile 2012

CUCINA REGIONALE VENETA: LA FUGASSA


Con piacere, anche questa settimana prendiamo parte alla rubrica "Cibo e regioni". Con il trascorrere delle settimane le food blogger che presentano le loro ricette sono sempre di più e quindi abbiamo la possibilità di scoprire nuovi prodotti e anche numerose ricette della cucina regionale tradizionale in Italia.
A conclusione della settimana santa che ci porta a festeggiare Pasqua il tema proposto da Babi e da Renata sono proprio i dolci pasquali tipici delle nostre regioni di appartenenza. Le ricette sono tutte fantastiche, troverete le classiche preparazioni italiane, tutte realizzate in modo superlativo. Ma ecco quindi le ricette:


Per il veneto, non c'è ricetta più pasquale della Fugassa. Non moltissimi anni fa le nostre nonne le preparavano in casa, ed era una festa, un momento di vera aggregazione dove le varie generazioni si riunivano per festeggiare la Pasqua. Ai grandi la fugassa veniva servita con un bel goto de vin bianco (bicchiere di vino), ai piccoli con un bicchiere di latte. In entrambi i casi vi assicuriamo che l'abbinamento è perfetto! Oggi, entrando in una delle panetterie della zona, non si può non sentire il classico profumo di fugassa. Sì perchè la fugassa ha il "Suo Profumo", inconfondibile, che non si può trovare in nessun altro dolce. Questo profumo è dato dall'aroma Spumadoro, un misto di olii essenziali di agrumi, prodotto da una azianda della provincia di Treviso. Da noi si trova nei negozi specializzati e nei grandi supermercati, ma probabilmente non ha una grossa diffusione nel resto d'Italia. Con la ricetta che pubblichiamo oggi, abbiamo cercato di riprodurre la classica fugassa "contadina" delle nostre nonne. E' stata la nostra prima volta con questo tipo di dolce, il risultato non è di certo perfetto, ma è stata una grande soddisfazione poter sentire quel famoso profumo fuoriuscire dal nostro forno, direttamente nella nostra cucina!!!
 

Fugassa Veneta



 300 gr di farina manitoba
200 gr di farina 00
60 ml di latte tiepido
4 uova
15 gr di lievito di birra fresco
120 gr di burro morbido
150 gr di zucchero semolato
1 cucchiaino di sale
5 cucchiai aroma Spumadoro
20 gr di zucchero di canna
zucchero in granella q.b.


La preparazione della focaccia richiede pazienza perché bisogna rispettare i tempi di lievitazione fra un impasto e l'altro. Per questo vi consigliamo di partire con la preparazione a metà pomeriggio, così avrete le ore della notte per la lievitazione e potrete cucinarla il pomeriggio sucessivo. E' meglio utilizzare un'impastatrice o robot da cucina, in questo modo gli ingredienti si mescoleranno meglio. Per rendere più chiaro il procedimento, lo abbiamo suddiviso in cinque diversi passaggi.
 
1) Preparare un "lievitino" sciogliendo il lievito nel latte con 20 gr di zucchero e 100 di farina manitoba, quindi lasciate lievitare per circa un'ora.
2)  Mescolate 100 gr di farina 00, 100 gr di farina manitoba,  2 uova, 80 gr di zucchero, quindi unite il lievitino. Impastate finché incorda, poi unite 60 gr di burro morbido. Fate impastare bene con il robot per 10 minuti. Lasciate lievitare per circa due ore, l'impasto dovrà roddoppiare.
3) Mescolate di nuovo 100 gr di farina 00, 100 gr di farina manitoba, 2 uova, 50 gr di zucchero, impastate fino ad incordatura poi unite il sale e gli altri 60 gr di burro morbido. Mescolate con cura, unite l'aroma Spumadoro e l'impasto preparato al punto due. Lasciate impastare dal robot per 10 minuti, dovrete ottenere un impasto elastico, liscio e ben compatto (deve staccarsi dalla ciotola tutto assieme). Coprite con un canovaccio umido e lasciare lievitate al caldo fino al mattino dopo (circa 7-8 ore).
4) Sgonfiate l'impasto, formate una palla e metterla in uno stampo (diametro circa 22 cm), coprite e mettete a lievitare in un posto caldo per 3-4 ore, dovrà arrivare al bordo dello stampo.
5) Una volta arrivata al bordo, preparate il forno caldo a 170°. Nel frattempo sciogliete lo zucchero di canna con 2 cucchiai di acqua calda e spennellate la superficie della fugassa. Quindi fate un taglio a croce utilizzando una lametta o un coltello affilatissimo (non andate troppo in profondità). Cospargete tutta la superficie con zucchero in granella e infornate per 50 minuti. Quando la superficie diventa di colore ambrato potete coprire con un foglio di alluminio fino a cottura ultimata per evitare che diventi troppo scura.
Una volta fredda mettetela in un sacchetto di plastica, rimarrà soffice per molti giorni.


 
Consigli: cercate di rispettare la tempistica elencata nella ricetta per quanto riguarda i tempi di lievitazione; è importante che il guogo in cui riponente le fugassa per la lievitazione sia ben caldo (vicino ad un termosifone oppure alla stufa) e che non ci siano correnti d'aria o sbalzi di temperatura.
 
                        Con questa ricetta partecipiamo al contest "La Pasqua in tavola"
                                               del blog "Fornelli profumati".





12 commenti:

  1. ma che bella, è molto simile alla nostra pinza. un abbraccio e buona Pasqua

    RispondiElimina
  2. Wow ragazze che perfezione! Se ne può avere una bella fetta per colazione? Anche questo dolce voglio assolutamente provare a prepararlo... Magari tra un pò, altrimenti qui non so cosa divento! Un bacio e grazie mille per il vostro i pegmo. Buona Pasqua, Babi

    RispondiElimina
  3. A casa vostra sicuramente non ci sono stati correnti d'aria!!! Perfetta. Sembra comprata! E altro piatto sulla mia tavola!!! Ragazze siete spettacolari. Altro che alte pasticcerie! Qui si trova chi da filo da torcere ai grandi chef!!
    Tantissimi auguroni a voi e alle vostre famiglie! elly

    RispondiElimina
  4. Chissà che buon profumo con quell'aroma Spumadoro a base di agrumi. Dalle nostre parti non ne ho mai sentito parlare, non so neppure se sarei in grado di rimediarlo da qualche parte. Mannaggia!!! Mi sa che dovrò fare un salto in Veneto per potermi gustare una fetta di Fugassa!!!
    Un grande abbraccio e tantissimi Auguri per una serena Pasqua.

    RispondiElimina
  5. ma che bel dolce lievitato!!!! davvero bello gonfio e soffice!!

    Ti lascio i miei auguri cari di una serena pasqua !!!!

    RispondiElimina
  6. FINAlmente posso commentare...ragazze ho scritto e riscritto per farvi i Complimenti su questa meraviglia morbida morbida e purtroppo non andava ma adesso siiiiiiiiiiiii e con piacere care vi dico BRAVISSIME!!!!!!!!!!
    Un grande bacio e BUONA PASQUA!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Ne trovo una fetta se passo oggi pomeriggio :)?

    RispondiElimina
  8. e anche qui dopo tanto lavoro....una soddisfazione incredibile! la vostra fugassa è irresistibile! ma quanto ha lievitato! soffice e morbido...che fettona mi mangerei!
    vi auguro una Pasqua bellissima...serena e gioiosa!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Ragazze!!!che lavoro fantastico avete fatto!Complimenti davvero, è un dolce squisito e molto elegante. Tantissimi auguri di cuore per una Santa Pasqua!!Bacioni!

    RispondiElimina
  10. Ottima ricetta , la croce sul lievitato richiama la liturgia della festività e il fatto che abbiate una miscela di aromi specifici la rende unica nel suo genere...complimenti!!!
    Ti auguro una Pasqua serena e colma di ogni felicità! baci elena

    RispondiElimina
  11. Che bella, noi siamo venete e di solito la compriamo!!!!!!!!!!!!!Buona Pasqua!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Molto bella e sicuramente buona! Grazie per aver partecipato al mio contest!! Ciao Terry.

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura