giovedì 13 settembre 2012

RAVIOLI DI PATATE CON SUGO DI TARTUFI





Quante volte abbiamo cercato di trovare la ricetta perfetta per utilizzare al meglio un tipo particolare di ortaggio, di frutta, di pesce ..... Libri e riviste sfogliate mille volte alla ricerca di quella combinazione perfetta tra sapori, cercando magari di prendere ispirazione da ricette di grandi chef, da ricette tradizionali locali (sempre molti utili) o dalle ricette della nonna.
Non sempre è facile, e spesso (almeno così capita a noi) una ricetta che in origine sembra deliziosa si rivela poi non all'altezza delle aspettative.
Ma questa volta tutto è stato perfetto......
Abbiamo deciso di dare una cena per un nostro caro amico che non vedevamo da tempo e ci è sembrato originale utilizzare il Sugo con tartufi che abbiamo ricevuto da Inaudi. Un sugo dal profumo inconfondibile, che volevamo esaltare con qualcosa di veramente speciale. E così sono nati questi ravioli con il ripieno di patate.
Ravioli con un ripieno delicato che lasciano spazio al sapore deciso del tartufo, in un connubio perfetto di sapori e di consistenze.
Il nostro esperimento è quindi riuscito alla grande, creando una ricetta che è piaciuta a tutti i nostri ospiti e che ripeteremo di certo!!! Insomma un vero successo  (almeno per stavolta)!!!!!!!!!

 
Ravioli di patate con sugo di tartufi

Per la pasta:
200 gr di farina 00
2 uova
Per il ripieno:
4 patate di media grandezza
2 uova
45 gr di burro
1/2 cipolla
100 gr di parmigiano grattuggiato
sale q.b
Per il sugo:
Sugo con tartufi Inaudi

Preparate il ripieno facendo lessare le patate, poi sbucciatele, passatele allo schiacciapatate e lasciatele raffredare un pochino. Intanto fate soffriggere a fuoco lento il burro con la cipolla tagliata molto sottile. Unite quindi il soffritto alle patate, aggiungete anche le uova e il parmigiano; mescolate il tutto in modo da formare un composto omogeneo e compatto.
A parte intanto preparate la pasta lavorando la farina con le uova fino a formare una palla, avvolgetela in una pellicola e fatela riposare per 30 minuti. Trascorso questo tempo tirate la pasta in una sfoglia non troppo sottile e ritagliate dei dischi del diametro di circa 8 cm. Distribuite un cucchiaino di ripieno al centro dei dischi ottenuti, spennelate i bordi con dell'acqua tiepida e ripiegateli e metà formando delle mezze lune .
Cuocete i ravioli in acqua salata, leggermente in ebollizione per circa 4-5 minuti.
Scolateli con un mestolo e trasferiteli in una ciotola, conditeli con il sugo con tartufi Inaudi.

Consigli: per il ripieno dei ravioli, potete sostituire il parmigiano con un altro tipo di formaggio, come per pecorino romano o il caciocavallo per enfatizzare ancora di più l'accostamento con il tartufo.



7 commenti:

  1. ma sono di un invitante incredibile.. ho deciso.. oggi pranzo da te!!

    RispondiElimina
  2. Che splendore!!!!!!!!Adoro la pasta ripiena.... la sua consistenza e scoprire cosa esploderà in bocca al primo morso!!!!!!!!!!!!!!!!!E con il vostro piatto ci sarebbe da gioire di felicità!!!!!!!!!!Un bacio e complimenti

    RispondiElimina
  3. Non ho mai mangiato il ripieno di patate nei ravioli, mentre conosco bene i prodotti Inaudi che ho trovato squisiti. Non può essere che una ricetta perfetta, come dite voi! Voglio provare sto ripieno.... Bacione e buona giornata

    RispondiElimina
  4. e qui andiamo alla grande,adoriamo i tartufi, un bacione

    RispondiElimina
  5. Dalle nostre parti sono molto famosi i tortelli di patate. Il ripieno è leggermente diverso, ma il risultato è davvero molto simile al tuo. Sono buonissimi!!! E i tuoi hanno un aspetto che dice "Mangiami!"... e visto che lo dice a quet'ora è un vero problema adesso... :-)

    RispondiElimina
  6. Ragazze siete meravigliose, che piatto da Re avete creato!!!! Baci

    RispondiElimina
  7. wow si presentano benissimo!
    che ne dici di passare da me? c'è un nuovo post!
    baci vivi

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura