lunedì 3 settembre 2012

CUCINA REGIONALE VENETA: GRAPPE E BUSSOLA'


Quanto ci è mancata questa rubrica regionale!!! Anche a voi??
I prodotti tipici delle nostre regioni, le tradizioni tramandate di generazione in generazione... gli scorsi mesi abbiamo viaggiato in lungo e in largo per l'Italia imparando ad ogni puntata una nuova ricetta.
Ripartiamo oggi con il nostro viaggio e con una amica in più. Benvenuta Cinzia! Con il suo blog L'Appetito vien mangiando ci farà conoscere i piatti della bella Valle d'Aosta!
Per questa prima puntata il tema scelto sono i Liquori. Cosa c'è di meglio per una partenza scoppiettante?
Ecco quindi le ricette:



    Il veneto è conosciuto in tutto il mondo per le sue Grappe pregiate. Si dice che la distillazione delle vinaccie sia cominciata in veneto tra il 1200 e il 1300, quando l'uso della grappa era essenzialmente terapeutico (per intossicazioni, raffreddori...) e veniva prodotto solo da farmacisti e medici.                         Una data importante per la storia della produzione della grappa in veneto è il 1779, l'anno in cui giunse a Bassano del Grappa, il Sig. Bortolo Nardini fondatore dell'omonima distelleria. La storia racconta infatti che egli fu il primo a trattare le vinacce con il vapore e aprì la sua storica Grapperia (rimasta immutata nel tempo ed ancora oggi luogho d'incotro degli amanti di questo liquore) proprio all'ingresso del famoso ponte di Bassano progettato dal Palladio. Ma il numero di distellerie in veneto è veramente notevole, così come lo sono i tipi di grappe prodotti. Per noi veneti la grappa (o meglio "graspa") è più che un liquore, è legata alle tradizioni dei anziani tanto quanto caratterizza la vita dei giovani di oggi, è cioè qualcosa che fa parte del nostro quotidiano. In ogni casa si trova qualche tipo di grappa, perchè si beve con il caffè, si usa nei dolci ed è il classico liquore di fine pasto. Uilizzando la classica grappa liscia è possibile preparare molti liquori aromatizzati con i più diversi sapori e profumi, qui sotto ve ne proponiamo solamente alcuni.

Grappa digestiva al rosmarino: mettete in infusione 100 gr di foglie e 200 gr di fiori di rosmarino con 1 litro di grappa. Lasciate macerare 40 giorni poi filtrate. Otterete una grappa ottima come digestivo dopo pasto.  

Grappa alla menta: mettette in infusione 100 gr di foglie di menta, 50 gr di fiori di menta, 5-6 chiodi di garofano e una stecca di cannella in 1 litro di grappa. lasciate mecarare 40 giorni e poi filtrate.

Grappa al miele: mettete in infusione 300 ml di grappa con la scorza di un limone e una stecca di cannella per una settimana. Fate sciogliere a bagnomaria 50 gr di miele con 700 ml di grappa quindi aggiungete anche l'infusione prparata precedentemente. Fate raffreddare e filtrate. Aspettate almeno un mese prima di consumare quasta grappa.

Ma come detto prima la grappa è utilizzata moltissimo anche in tutti i dolci veneti. Il bussolà è uno dei dolci tipici della tradizione contadina veneta, fatto con ingredienti semplici, veniva spesso mangiato come merenda o inzuppato nel latte o nel vino. Una vera iniezione di energia!


 

Bussolà

500 gr di farina
100 gr di burro
150 gr di zucchero
5 uova
1 bustina di lievito
80 ml di grappa
1 pizzico di sale
zucchero di canna q.b.


In una terrina setacciate la farina, aggiungete il lievito, lo zucchero e il sale. Mescolate il tutto, fate una fontana e ponete al centro il burro tagliato a pezzetti, 4 uova intere e un tuorlo (preservando l'albume) e la grappa. Impastate il tutto con le mani versando l'impasto sulla spianatoia per amalgare meglio gli ingredienti. Formate con il composto un cilindro e ponetelo in uno stampo a ciambella precedentemente imburrato e infarinato. Spennelate la superficie con l'albume leggermente sbattutto. Distribuitevi un pò di zucchero di canna e cuocete con forno preriscaldato a 200° per 30 minuti.
Consigli: potete aggiungetevi qualche cucchiaio di latte all'impasto se preferite che la vostra ciambella sia più soffice.

18 commenti:

  1. Mi chiedevo cosa fosse la bussola...per scoprire poi questo dolce meraviglioso!!!!!!
    Un post super esauriente...Quante grappe....
    Complimenti ragazze e ben ritrovate nella nostra rubrica!!!!!!!!
    Un grande bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  2. Ciaooo complimentissimi ragazze!Quante ricettine..segno!!

    RispondiElimina
  3. questo dolce, secondo me, fa perdere la bussola.....ah...ah...deve essere di un buono. Brava ! ciao

    RispondiElimina
  4. che ricetta! non la conoscevo affatto! molto interessante!!!

    RispondiElimina
  5. Che dire....dire Veneto e dire Grappa è la stessa cosa. Ed essendo per metà di origine veneta, so benissimo quanto venga apprezzata questa divina bevanda in famiglia...anche a noi piacciono molto le grappe aromatizzate. Ne ho giusto una alla pere che sarà pronta a giorni!!!

    prendo anche una fettina di bussolà....già che passo di qui!

    RispondiElimina
  6. Il Veneto ha delle grappe eccellentissime che credo nessun'altra regione riesca ad eguagliare, quella al rosmarino mi intriga moltissimo. Bussolà...la adoro, un dolce morbidissimo e delizioso. un abbraccio

    RispondiElimina
  7. che buone le grappe al rosmarino e alla menta, e immagino il profumo di questa ciambella, baci

    RispondiElimina
  8. buongiorno ragazze e...ben ritrovate!!!
    eh...le grappe venete...e chi non le conosce! eccellenti!!!
    un goccino di ognuna di queste grappe aromatiche me lo farei volentieri!!!
    bacioni e buona settimana

    RispondiElimina
  9. Ecco che cos'è il bussolà!! ragazze non solo ci avete dato delle ricette di grappe super gustose ma anche un dolce!!
    davvero bravissime!!
    un bacione e bentornate anche a voi!!
    eheh

    RispondiElimina
  10. Ragazze, da voi le grappe non potevano di certo mancare! E grazie mille per lo splendido dolce, lo conosco fin troppo bene e me ne mangerei un'enorme fetta anche adesso. Bentornate, un bacione e buon lunedì, Babi

    RispondiElimina
  11. Non amo la grappa ma solo perchè è troppo forte per me... però.. messa in quel buonissimo ciambellone.. baci e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  12. Ovviamente non poteva mancare la mitica grappa veneta!! Ogni volta che veniamo da quelle parti l'acquisto è d'obbligo, e c'è sempre l'imbarazzo della scelta.
    Quel dolce deve essere una bontà assoluta. Mi sa che io mi potrei ubriacare anche con quello visto che non bevo liquori, ma correrei volentieri il rischio...
    Un bacio.

    RispondiElimina
  13. Ragazze care, è vero!!Il Veneto è tra le regioni insieme al Trentino che vanta ecellenze nel campo dei liquori/grappe, la vostra panoramica è eccezionale!!!!Benritrovate!!!!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Che aspetto incantevole!! Fa venire voglia di mangiarlo o di entrare subito in cucina a preparare un bel ciambellone!! Non l'ho mai mangiato con la grappa. In casa non ne tengo mai... ma so a chi chiederne in prestito 80ml!!!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. Grazie mille per il tuo benvenuto;-), c è l.imbarazzo della scelta tra queste grappe automatizzate;-) devono essere tutte squisite come il dolce che hai proposto, che non conoscevo affatto... Proverò;-) grazie ancora, buona serata, un abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
  16. Che post meraviglioso :-) Si beve e si mangia!!!!!! Assolutamente da provare sia le grappe che il dolce! Baci

    RispondiElimina
  17. Adoro le grappe...sono in controtendenza, avevo anche fatto un corso di degustazione sulle grappe... le vostre aromatizzazioni sono interessanti, da provare! E il dolce? Mai assaggiato...dovrò provarlo! bellissimo post, complimenti!

    RispondiElimina
  18. Senza parole: liquore e dolce. Tutto perfetto!!!

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura