lunedì 15 ottobre 2012

CUCINA REGIONALE VENETA: MINESTRA DI MARRONI



L'appuntamento di oggi per quanto riguarda la nostra mitica rubrica di cucina regionale ha come tema le castagne e la frutta secca, e quindi dà largo spazio sia a preparazione dolci che salate.
Andiamo così a scoprire le ricette che tutte le varie regioni ci propongono:
 

In Veneto, le castagne, o meglio i Marroni, sono un frutto davvero amatissimo. Non esiste infatti sagra paesana del periodo autunnale che non preveda le caldarroste. Per tutti è davvero il simbolo di questa stagione.
Non sapevamo però che in Veneto ci fossero così tante varietà di marroni addirittura con la denominazione IGP oopure DOP. Si tratta dei Marroni di Monfenera, dei Marroni di Combai (provincia di Treviso), dei Marroni di San Zeno (Monte Baldo, tra Verona e Belluno); in generale quindi in tutte le zone collinari del nostro veneto ci sono delle varietà pregiate di marroni!!! Fantastico, no?
E pensare che quando eravamo alle elementari, tutti gli annio andavamo in gita alla raccolta di castagne: una giornata intera nei boschi alla ricerca di questo frutto fra foglie, ricci, ma sopratutto tanto divertimento!!! magari abbiamo raccolto alcuni di questi tipi di marroni e nemmeno lo sapevamo!!
Per questo appuntamento della rubrica regionale cercavamo un modo particolare per preparare i marroni, ed abbiamo trovato questa ricetta del minestrone di marroni che sinceramete non conoscevamo. Si tratta di una versione veronese del famoso monestrone di fagioli che già vi abbiamo fatto conoscere. Proprio in questo periodo, si svolge in provincia di Verona la Festa della Castagna e la Mostra mercato del Marrone e questo piatto sarà sicuramente uno dei protagonisti!


Minestra di marroni
400 gr di marroni
400 gr di patate
200 gr di verza
80 gr di sedano
100 gr di fagioli borlotti secchi
150 gr di carote
200 gr di cipolla bianca
1 spicchio d'aglio
1 rametto di rosmarino
4-5 foglie di salvia
olio extravergine d'oliva q.b.
sale q.b.
pepe q.b.



Mettete i fagioli in una ciotola e coprite con acqua fredda. Lasciateli riposare per almeno 8-10 ore.
Lessate i marroni in acqua con le foglie di salvia, senza togliere la buccia.
Fateli raffreddare e quinsi sbucciateli, facendo attenzione a non romperli. Teneteli da parte.
Tagliate la carota e il sedano a cubetti e affettate la cipolla in modo grossolano.
In una pentola alta e non troppo larga (adatta per far sobollire il minestrone), scaldate 4-5 cucchiai di olio, aggiungete lo spicchio d'aglio, il rosmarino e fate soffriggere. Dopo qualche minuto, togliete l'aglio e il rosmarino e aggiungete il trito di carote, sedano e cipolla. Fate rosolare bene le verdure a fuoco medio, aggiungete la verza che avrete precedente affettato, le patate tagliate a cubetti e i fagioli che avrete provveduto a scolare dall'acqua. Mescolate per un paio di minuti avendo cura di tostare bene le verdure. Salate e pepate. Aggiungete circa 2,5 litri di acqua e abbassate la fiamma. Il minestrone dovrà sobbollire per almeno 2 ore. A questo punto, aggiungete metà dei marroni e lasciate cuocere per altri dieci minuti.
Passate il minestrone al passaverdure, dovrete ottenere una crema piuttosto densa.
Versate il minestrone passato in una pentola, aggiungete l'altra metà dei marroni e fate scaldare per qualche minuto prima di servire. Se necessario aggiustate di sale. Al momento di portare a tavola, guranite i piatti con un filo d'olio e con delle foglie di rosmarino.
Consigli: nella ricetta originale vengono aggiunti dei pezzetti di crosta di grana padano per dare ancora più sapore al piatto, ovviamente li potete sostituire con una generosa cucchiaiata di parmigiano grattuggiato.




Con questa ricetta partecipiamo al contest "Brown like Autumn"


27 commenti:

  1. Ma che ricetta ragazze
    Mai avrei immaginato una minestra in piena regola con le castagne!!!!!!!!!!!!
    Interessante e immagino il sapore
    ....e la crosta di grana ci va proprio!!!!!
    Buona settimana
    e grazie davvero

    RispondiElimina
  2. Questa deve essere buonissima:-)!! In Valle è tradizione minestra di castagne, latte e riso, ma onestamente a me non piace molto, ma questa minestra veneta invece mi sa che provo a farla, perchè deve essere davvero molto buona:-) Complimenti, un abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
  3. Uhmmmmm anche io sono andata di "zuppa" amiche mie...la vostra è a dir poco deliziosa!!!!Presentata benissimo come sempre!!!Un abbraccio grande e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  4. Yummmm, buona, io conosco una zuppa di castagne e ceci ma così non l'ho mai assaggiata! Sicuramente da provare!
    baci

    RispondiElimina
  5. Questa zuppa la preparava spesso mio nonno ed io, non so perché, non l'ho mai rifatta. Direi che, vedendo le vostre foto, sia proprio arrivato il momento. Grazie ragazze, bellissima presentazione!

    RispondiElimina
  6. Woee sarà squisitissima!Ha un aspetto fantastico!Ciao buona settimana

    RispondiElimina
  7. Deve essere di un saporito.. di un vellutato.. che bel piattino! :) Ideale con il diluvio di oggi! Un abbraccio grande e buon lunedì! :)

    RispondiElimina
  8. Ma che delizia ragazze!!! una minestra adatta alle serate autunnali perchè calda, buone a piena di vitamine anche!
    buonissima!!!
    Siete state bravissime!!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. che zuppa ragazzi, una bontà ! ciao

    RispondiElimina
  10. Ricetta incredibile, ragazze!!
    Bellissima da vedere e piena di gusto, corro a comprare altre castagne, chi lo avrebbe mai detto??? ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
  11. ragazze...una zuppa della tradizione straordinaria...con i vostrri pregiati marroni poi....una delizia unica!
    bravissime e bella presentazione
    bacioni e buona settimana

    RispondiElimina
  12. un ottima idea degustare i marroni così, anche quelli del veneto sono buoni come quelli delle altre regioni

    RispondiElimina
  13. bella questa ricetta salata con le castagne, cremosa e gustosa, un bacione, chissà se ci incontriamo a Perugia

    RispondiElimina
  14. non ho mai assaggiato questa minestra ma penso sia buonissima e così tanto cremosa da raccogliere con il pane. Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Deve essere una di quelle minestre che ti scalda il cuore e l'anima oltre a fornirti il tepore nelle fredde serate invernali. Io ci metterò "le cocce" del parmigiano... gnam! Buonissima!

    RispondiElimina
  16. mai magiata una zuppa con le castagne devo dire che mi ispirano molto! devo provare prima o poi sembrano davvero ottime! una bella minestra! ciao cara!

    RispondiElimina
  17. Mi ci butto a pesce qua dentro, deve avere un sapore meraviglioso, bravissime ragazze! Un bacione a presto

    RispondiElimina
  18. Ma che meravigliosa presentazione!!! ho scoperto leggendolo nel vostro post che anche nel paese originario di mio nonno c'è una varietà di marroni famosa...che bello. Prendo nota della ricetta e la dedicherò a lui, anche se non l'ho mai conosciuto!

    grazie di cuore!

    RispondiElimina
  19. Questa ricetta è una vera sorpresa, pure per me che sono veneta. E poi mi sono tornate in mente le passeggiate domenicali di questo periodo di taaanti anni fa, quando con i miei si faceva un giro a Conegliano o Valdobbiadene e lungo la strada del vino bianco si trovavano le castagnate...quanta nostalgia...
    Grazie per questo piatto,
    Vale

    RispondiElimina
  20. Questa crema di marroni mi ispira tanto, non l'avevo mai sentita e purtroppo nemmeno assaggiata, provvederò! bacioni e grazie!

    RispondiElimina
  21. ottima ricetta e se ti va partecipa al mio contest di ricette tradizionali. Hai un max di 3 ricette e ti lascio il link. Ciao a presto
    http://apanciapiena.blogspot.it/2012/10/il-mio-primo-contest.html

    RispondiElimina
  22. Questa ricetta mi stuzzica tantissimo e sarebbe l'ideale per questa sera visto che fuori sta piovendo ed ho un certo languorino!

    RispondiElimina
  23. Ué, mica si scheza qui! Adoro le castagne ma la cremina mi aspetta ancora.. certo devo dire che è così golosa ed invitante, cosi densa e perfetta che non la posso mancare, anche sono bergamasca, le castagne qui fuori da casa mia bbondano (ma non i maroni sob!)
    GRAZIE!!!!

    RispondiElimina
  24. Che bel piatto autunnale .. dai toni caldi e dal sapore caratteristico che profuma di terra .. Bravissima davvero !!

    Se ti va di passare a trovarci ne saremo felici!! E unisciti ai lettori fissi !
    Baci !!

    http://duecuorieunapadella.blogspot.it/

    RispondiElimina
  25. Anche da noi comincia adesso il periodo delle sagre a base di castagne. Non c'è paese che non abbia la sua sagra!! E questa è una vera fortuna per assaggiarle fatte in modi sempre diversi. Mai assaggiata però la minestra di castagne, dalle nostre parti non si cucina. Mi incuriosisce molto, deve essere un vero comfort food nelle fredde giornate invernali.

    RispondiElimina
  26. immagino che bontà questo piatto tipico...complimenti!

    RispondiElimina
  27. Questa minestra è spettacolare!!!!

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura