venerdì 14 giugno 2013

GNOCCHI DOLCI DI PATATE CON MARMELLATA DI MORE DI ROVO



Nostra nonna ci racconta spesso che da bambina non mangiava quasi mai i dolci; non che non le piacessero, semplicemente era impensabile acquistarli e non si preparavano in casa, perchè uova e farina erano utilizzati per preparare la pasta e se proprio ce n'era in abbondanza venivano venduti per acquistare qualcosa di molto più necessario.
Spesso però, per accontentare i più piccoli, gli gnocchi avanzati venivano travestiti da dolce, quindi, dopo essere stati bolliti, venivano conditi con un pò di burro fuso e zucchero. Dei dolcetti prelibati poprio perchè preparati appositamente per la gioia dei più piccoli.
Da questa vecchia tradizione nasce la ricetta degli gnocchi dolci di patate che abbiamo provato in occasione del contest indetto da Rigoni di Asiago sulle ricette regionali. In questa versione gli gnocchi sono preparati con la classica base di patate lesse, ma con l'aggiunta del latte raggiungono una consistenza simile alle tradizionali frittelle veneziane. Un connubio di sapori veneti a cui abbiamo aggiunto la marmellata di more di rovo Rigoni, che ricorda la marmellata che preparava nostra bisnonna con le more dei gelsi proprio in questo periodo.
 
Gnocchi dolci di patate con marmellata di more di rovo

500 gr di patate farinose
150 gr di farina 00
1 uovo intero
1 tuorlo
80 gr di zucchero semolato
1 bustina di lievito in polvere per dolci
125 ml di latte
3 cucchiai di marmellata di more di rovo Rigoni di Asiago
olio per friggere
zucchero a velo
sale

Lavate le patate, ponetele in una pentola, e fatele cuocere in acqua leggermente salata per circa 40 minuti dal momento dell'ebollizione. Scolatele, sbucciatele e passatele nello schiacciapatate raccogliendole in una ciotola.
Lasciatele intiepidire, e mescolando con un cucchiaio di legno incorporatevi la farina, l'uovo e il tuorlo, lo zucchero e il lievito stemperato nel latte. Aggiungete anche la marmellata e mescolate con cura. Coprite la ciotola con un telo e lasciate lievitare l'impasto per 2 ore a temperatura ambiente. Scaldate abbondante olio da friggere in una casseruola media, prelevate con un cucchiaio un pò di composto e, aiutandovi con un altro cucchiaio unto d'olio, fate scivolare gli gnocchi nell'olio caldo.
Friggete pochi gnocchi alla volta per non abbassare la temperatura dell'olio. Via via che saranno dorati da tutti i lati preleveteli con una schiumarola e trasferiteli su carta assorbente da cucina. Trasferite gli gnocchi su un piatto da portata e spolverateli con dello zucchero a velo.
Consigli: nella ricetta originale l'impasto è arricchito da 150 gr di uvetta sultanina e 75 gr di pinoli.

 

 
Con questa ricetta partecipiamo al contest

12 commenti:

  1. Beh avrai capito che mi piacciono un sacco i miscuglio frutta-verdura!!!...Bellissima ricetta!!!

    RispondiElimina
  2. Credo che potrei svenire.. devono essere golosi alla massima potenza!!!!!! quella confettura poi.. è troppo buona! bacioni e buon w.e. .-)

    RispondiElimina
  3. Che bella ricetta ci hai regalato, sfiziosa ed originale!!

    RispondiElimina
  4. Complimenti..la tua reinterpretazione è golosissima!!! A tua nonna chissà come piacerebbe ^_^
    Buon We cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  5. Semplicemente buoni !!!! Complimenti !!!!

    RispondiElimina
  6. Una vera golosità!!!! Complimenti!!!! Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. Buonissimi! Li preparava anche la mia nonna e li chiamava "bombe di patata". Li adoro!

    RispondiElimina
  8. Che gola ragazze, ottimi!!!!!

    RispondiElimina
  9. Bravissime, adoro le tradizioni e i racconti delle nonne!!
    Un dolce sano e goloso!!!
    Un abbraccio e buona domenica!!!

    RispondiElimina
  10. un'infinita golosità, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura