sabato 14 giugno 2014

TRECCINE AL LATTE CON UVETTA


Quando decidiamo di preparare un dolce per la colazione, ci piace sperimentare nuove ricette che possano piacere a tutta la famiglia. La colazione, sopratutto nel fine settimana è un momento che ci godiamo senza fretta  per darci la carica per affrontare tutta la giornata.
Per queste treccine abbiamo preso spunto dal libro di Sara Papa "Tutta la bontà del pane", veramente ricco di idee per creare degli ottimi lievitati senza troppa fatica.
Sono dei panini dolci arricchiti con uvetta, da mangiare inzuppati nel latte, ma perfetti anche per essere farciti della marmellata. Si conservano per alcuni giorni se riposte in sacchetti di plastica e se volete far divertire i vostri bambini, provate a cambiarne la forma... l'impasto è veramente semplice da lavorare!


Treccine al latte con uvetta

per l'impasto:
500 gr di farina 00
15 gr di lievito di birra fresco
275 gr di latte
1 uovo (da 60 gr)
50 gr di burro
2 cucchiai di miele
10 gr di sale
per la finitura:
100 gr di uvetta
1 tuorlo
2 cucchiai di latte
1 pizzico di sale



Setacciate la farina , unite il lievito sciolto nel latte ed iniziate a lavorare gli ingredienti. Quindi aggiungete anche il sale, l'uovo e per ultimi il miele e il burro. Lavorate bene l'impasto finché risulterà liscio ed omogeneo. Lasciatelo riposare per 30 minuti coperto all'interno della ciotola.
Aggiungete anche l'uvetta e mescolate con cura l'impasto.
Spezzate l'impasto in piccoli pezzi e formate dei filoncini per formare delle treccine della lunghezza di circa 10 cm. Disponete le trecce su una teglia e spennellatele con il tuorlo diluito nel latte con il sale. Lasciate lievitare i panini fino al raddoppio del volume ad una temperatura di circa 27°.
Spennellate nuovamente le treccine con il tuorlo rimasto e cuocete in forno già caldo a 200° per 15 minuti.
Consigli: queste treccine sono ottime per colazione, potete aggiungere anche delle gocce di cioccolato, oppure prepararle semplici senza uvetta da mangiare con la marmellata!






mercoledì 4 giugno 2014

GNOCCHETTI CON RAGÙ DI POLLO, BIETOLE E PORCINI


Con la stagione estiva, quando fa caldo, si ha meno voglia di stare ai fornelli e si preferiscono piatti più leggeri, per questo ci piace creare e sperimentare dei piatti unici.
In questa ricetta la pasta è unita alla carne di pollo, alle verdure e per dare ancora più sapore, ai funghi porcini. E' un piatto che abbiamo sperimentato sia nella versione calda che in quella fredda, per le giornate più calde, e in entrambi i casi il gusto era ottimo.
Gli gnocchi sono un formato di pasta perfetto per questo tipo di condimento, i pezzetti di pollo e di verdura si incastrano nella pasta e ad ogni boccone si possono assaporare tutti i vari ingredienti. Provate e ovviamente fateci sapere!!!

Gnocchetti con ragù di pollo, bietole 
e porcini


400 gr di petto di pollo
200 gr di bietole
3 porcini surgelati
350 gr di pasta (formato gnocchi)
8 fiori di zucca
1/2 bicchiere di vino bianco
1 rametto di rosmarino
1 cipolla bianca
olio extravergine d'oliva q.b.
sale q.b.


Affettate la cipolla, riducete a dadini la polpa di pollo e legate con dello spago da cucina il rametto di rosmarino. 
Pulite le bietole, lavatele e tagliatele a striscioline.
Stufate dolcemente la cipolla con 4 cucchiai di olio, poi unite il pollo e il rametto di rosmarino. 
Fate rosolare a fiamma bassa e stufate con il vino bianco. Aggiungete i funghi e un mestolo di acqua calda.
Salate e proseguite la cottura a fuoco dolce per 20 minuti.
Unite le bietoline, regolate di sale e cuocete ancora finché le verdure saranno morbide.
Lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nella padella con il sugo. 
Saltatela per due minuti, quindi aggiungete i fiori di zucca lavati e tagliati a listarelle. Mescolate e servite subito.
Consigli: potete sostituire il pollo con della carne macinata di vitello e a piacere, aggiungere delle scaglie di parmigiano o ricotta stagionata per dare un sapore più deciso al piatto.






Con questa ricetta partecipiamo al contest "La mia pasta"
del blog "Vado... in cucina" con la collaborazione del pastificio "Pasta Lagano".